Museo civico Multimediale

Museo Civico Multimediale di Padula

Il Museo Civico Multimediale di Padula è allestito all’interno dell’antico Palazzo Brando ed è dedicato all’archeologia e alla storia antica del Vallo di Diano nonché alla fase dei moti risorgimentali. Padula fu tra i principali protagonisti di tali moti reazionari con la Spedizione dei Trecento condotta dal patriota napoletano Carlo Pisacane nel 1857. Il museo consente di conoscere la nostra storia attraverso cassetti ed armadi parlanti, burattini interattivi e prevede la partecipazione attiva, al termine del percorso, al processo a Carlo Pisacane con un giudice virtuale che interroga vari testimoni. Nel museo è possibile assistere alla ricostruzione, attraverso documenti d’archivio, di tante microstorie locali all’interno della più ampia macro storia del brigantaggio post-unitario.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Padulafoto per rimanere sempre aggiornato!

La Scala Elicoidale

scala a ciocciola

Dal chiostro grande si accede alla biblioteca attraverso una bellissima scala elicoidale in pietra. È datata a metà del Quattrocento, alla fine della scala si giunge alla porta della biblioteca con scritto  “Da sapienti occasionem et addetur ei sapientía” (offri al saggio l’occasione e la sua sapienza crescerà).

I Giorni della Merla

Padula 31 Gennaio 2019 - I Giorni della merla.

Se a fine gennaio fa bello,
a primavera bisogna aprir l’ombrello
se invece fa freddo e scende la neve
in primavera si suda e si beve!

31 Gennaio 2019 - dai tetti Padulesi veduta sul monte Cervati

Prima neve 4 Gennaio 2019


La prima neve del 2019, il grande chiostro della reggia del silenzio ''la Certosa di S. Lorenzo''

La cucina di un tempo.

Sapori di altri tempi. ''u pignatiedd''

Sapori di altri tempi, ”u pignatiedd”   è un accessorio di terracotta utilizzato per la cottura di pietanze al calore dei tizzoni, la cottura è un’arte certosina che va seguita con attenzione. Ideale è la cottura dei legumi.

Antichi detti: Li guai te la pignata li sape sulu la cucchiara

(foto di Luciano Petrizzo)