Padula – Cavatelli con sugo di Braciola – Rubrica settimanale di antica cucina Padulese.

Braciole al sugo e cavatelli.

Le ” Braciole al sugo”, sono  fettine di carne di vitello  arrotolate,  condite con: aglio, pepe,prezzemolo e scaglie di formaggio, un pizzico di sale. Passate in cottura con: un leggero soffritto a base di aglio, sedano, carota e cipolla, con l’aggiunta di salsa di pomodoro e poco sale. Piatti  di un tempo, della domenica e delle grandi occasioni, con il sugo era usanza condire la pasta  fatta in casa,  cavatelli o fusilli. 

Cavatelli con Braciola
Cavatelli con sugo
Braciola
Cavatelli

Padula – Certosa di San Lorenzo o di Padula.

La Certosa di San Lorenzo è il più vasto complesso monastico dell’Italia Meridionale nonché uno dei più interessanti in Europa per magnificenza architettonica e copiosità di tesori artistici.I lavori di costruzione iniziarono nel 1306 per volontà di Tommaso Sanseverino, conte di Marsico e signore dei Vallo di Diano, e proseguirono, con ampliamenti e ristrutturazioni, fino al XIX secolo. Dell’impianto più antico restano nella Certosa pochi elementi: tra questi si ricordano lo splendido portone della chiesa datato al 1374 e le volte a crociera della chiesa stessa. Patrimonio UNESCO dal 1998.  Approfondisci 

Certosa di San Lorenzo o Certosa di Padula

 

Padula – Fegato con la Zeppa – Rubrica settimanale di antica cucina Padulese.

Fegato con la zeppa” o “con la rezza”, il cui nome dialettale è “U’Fegt ‘r puorc chà zeppa”, piatto tipicamente invernale poiché legato alla tradizionale macellazione del maiale che avveniva in casa, nel periodo tra dicembre e quello di febbraio. La “Zeppa”in dialetto Padulese, è la membrana del maiale, il cui nome deriva direttamente dal latino, retia, “rete”, nome che gli è stato dato per la sua struttura reticolare. La rezza è caratterizzata dall’abbondante presenza di grasso, che la rende particolarmente gustosa, motivo per il quale la si utilizza per avvolgere le fettine di fegato insieme a una foglia di alloro. Una volta preparati, questi involtini vengono fatti arrostire sulla brace, in modo tale che il calore faccia impregnare il fegato del gusto della rezza assumendo un sapore particolare e decisamente aromatico.

Fegato con la Rezza
Fegato con la Rezza