Archivio generalePadulesiTradizioni

Detti di ieri e di oggi – In dialetto Padulese

Detti di ieri e di oggi

Aggiornati al 5/Sett/19
Detti AntichiSignificato
A bona zita o vicinanz s mmaritaLa buona ragazza viene subito notata
A carn s perd e ì can arrabbian.......la carne si perde e i cani si disperano
A gatta p ghi r pressa fec i gattariedd cecat.non andare in fretta
A lava a capa o ciucc' s'nc perd sul acqua e sapon’la testa dura non cambia idea
A merda chiù a ruozzl' e chiù feta.Più la giri peggio è
A pratica fac r’ chiu ‘ ra’ grammatica!!!! La pratica è più importante della grammatica.
A sai mett' a pezza a culor'!
A serpa ca muzzucau a sogrma muriu mblnatIl serpente che morse mia suocera morì avvelenato
A stizza re continuo face ‘o fuossoLa goccia piano piano scava il fosso
A votta è chiena e a muglier è mbriacala botte è piena e la moglie è ubriaca
Accirm e minuzzam e mename inda i meiUccidimi e riducimi in piccoli pezzi, poi gettami tra i miei
Addu arriv chiand o zipfino dove ce la faccio mi fermo
Ammend'ca mov' nu per' l'at su 'u mangia i can.Intanto che muovi un piede l'altro lo mangiano i cani
Aspetta ca cala 'u panariedd r'a u cielAspetta il cesto dal cielo.
Attacca o ciuccio a du vol o padron.Lega l'asino dove vuole ik padrone
Aust cap r_viern.Quando entra il mese di Agosto
Caggiola aperta auciedd muortgabbia aperta uccello morto
Cainat scuma r pignatI cognati sono inutili e spregevoli
Cainata scusa r pignataLa cognata e come la schiuma dei fagioli
Car cumbar a carn vaj cara, i uaj so gruoss e spolac -t l’uoss !I soldi non danno la felicità
Cerze e ulivi Aust vieni mi vir.Quando entra il mese di Agosto
Chesta e a casa ru granc , chi s’arrangia mangia.L’arte di arrangiarsi:
Chi bell vol parè, pene e guai adda passachi bello vuol sembrare, pene e guai deve attraversare
Chi camba rerenn mor fiscannchi campa ridendo muore fischiando
Chi camina qu zuopp gapnann zuppcheachi cammina con il zoppo impara a zoppicare
Chi campa drit campa afflitt,Chi campa bene campa male
Chi campa stortaried campa bunarieddchi voll capisc…..capisc
Chi chiagne fot a chire ca rirei furbi
Chi cummanna nu sura.Chi comanda non suda.
Chi more chi fung puoz accis chi u chiagnerispettare i consigli
Chi nasc tunn nun mor quadr...chi nasce tondo non morirà mai quadro…
Chi ricordo ' a messa e chi assist. Chi lavora e chi guarda
Chi sap' ast'mà astema 'n zuonn.Il bestemmiatore bestemmia anche quando dorme.
Chi ten figl’ femmène nun chiamess puttan’
Chi ten figli mascul’ nun chiamess mariuol.
Chiacchier nanze u furn , perdmient r tiempchiacchiere davanti al forno è perdita di tenpo
Chiur i port ca trasâ’n i gatt.Chiudi la porta che entrano i gatti
Crai crai rice a cornacchiaDomani domani dice la cornacchia
Crisc' figli e crisc' puorccresci figli e cresci maiali
Cumm ric u pappc a noc, ramm tiemp ca t spertoscome dice il tarlo alla noce, dammi tempo che ti buco
E che cazz' s' so spartut a fessa r' a furmicula.Dividersi il nulla
E' scuro cum' a na vocca r' lup'E' buio come la bocca del lupo
Fa cum t fann ca nun è p’cat.Fai quello che ti fanno che non fai peccato
I caz ra caurara u sape a cucchiaraogni persona ha i suoi problemi……
I corn r' ricch so d' vammanac, Cher r'i poveriedd so d'nocLe corna dei ricchi sono di ovatta, quelle dei poveri sono di noci
I femmen so cum u casacavadd: appienn ra capa e u ngign ra u cul!la donna è come il caciocavallo: si prende per la testa e si inizia dal culo
I foder cumbattn e i sciabule stann appesI foderi combattono e le sciabole stanno appese
I guai ra pignata i sap sul a cucchiara.ogni persona ha i suoi problemi
I pacc fuin e a casa resti pazzi scappano e la casa rimane
Inda vita s tien panar si furtunat.Nella vita bisogna avere il sedere grosso per avere fortuna
Ma chiant o schiant?Hai capito il controsenso che hai appena detto?
Marit e figli com Dio ti mann ti piglimarito e figli come Dio te li manda cosi te li prendi
Maronna mia mammarella ianga 'a culata ca neura nun manca
Mazz e panel fann i figl bell, pan senza mazza fann i figl pazz.botte e panelle fanno i figli belli, molte botte fanno i figli pazzi
Natale cu sole e pasqua cu tuzzone.Natale con il sole pasqua legna al fuoco
Nu mangia p' nu cacanon consuma per non spendere
Nun crer a i suonnNon credere ai sogni
Nun mbarà prtus ai surginon imparare buchi ai topi
Nun'a cap' na zedd'la r' puorc ' gulnon hai testa nemmeno una setola di maiale
O ciuccio porta a paglia e ociuccio saammaglial´asino porta la paglia e l'asino se la mangia
O prima o rop re quinicio prima o poi
Ogn leuna ten u fum suw..ogni legna ha il suo fumo
P' guliio r' lard' t' mitt n gul a scrofa.Per voglia di lardo ti fai la scrofa
Pov'r a chi stai suggettPovero Chi ha bisogno degli altri
Prima r' tras pan e cas, ropp trasut pan assulutPrima di entrare pane e formaggio, dopo entrato solo pane
Puoz i port portquando uno/a si comporta male
Quan marz u bol fa ngoppa na pala t fac cacaquando marzo lo vulole fare mal tempo non ti fa uscire di casa
Quann fui s' fai' arr'va i tacc ,n gulQuando corri ti arrivano i tacchi a sedere
Quann parla u zich’ u’ gruoss’ già ha parlat.La verità è sulla bocca bambini
Quann si giovan canta e sona, quann si viecchij t ric a curona.Quando sei giovane canta e suona, quando sei anziani reciti il rosario.
Quann u cervat s fac u cappucc' vinnt a crapa e ccattat u ciuccioquando il cervati si fa il cappuccio venditi la capra e comprati un asino
Ress u papc a noc, ramm tiemp che t spurtos.Il tempo è galantuomo
Ricm a chi si figl e t ric a chi assumigldimmi a chi sei figlio e ti dico a chi assomigli
Rui paravisi nun s potn gor.non si può avere tutto dalla vita
S' a mmiria foss coglia tutt quand a strascnessr p'terra.Se l'invidia fosse coglia tutti la trascinerebbero per terra
S' vuò mett u per a ogni preta nun arriv mai.
S'i mbriest't fossr buon s mbr'stessr u mmuglier presterebbero anche le mogliSe i prestiti fossero sicuri si
Sa pozza mangia cu na ponda r'acMangiare con una costa di sedano
Scapula i vuoi e mprestame a'ratosciogli i buoi e prestami l’aratro
Senz sold nun ze candan messsenza soldi non si fa niente
Senza sold nun s cantan messSenza soldi non si dice la messa
Simm fatt r chir ca mangiam, carn!siamo fatti di ciò che mangiamo,carne
Stipa ca truvconservi che trovi
t mangan quatt lastr au lambarulti manca amìncora tanto
T' ric nu cund' cu l'ac sia pund cu l'ac sacural nun pozza mai cacà.
T' si abbuttat cum a nu ruosphai mangiato come un rospo
Tirt..inda.. a pettla c’ha par bruttCamminare con la camicia fuori dai pantaloni
U figliu mut u capisc a mammail figlio muto lo capisce la mamma
U putuar t vol venn cher ca tenil negoziante ti vuole vendere quello che ha
U rut porta u san.la persona rotta porta quello sano
U' cchiù fess t' caca a casaIl più scemo ti sporca la casa
U' riavul venn a lana e nun tene i pecurIl diavolo vende la lana senza avere le pecore.
U’ Gnurant’, t’nia vint’ e vulia fà quaranta.L'ignorante sapientone
Uocchi contruocchi furt'ciedd a l'uocchi scatta ammiria e crepa u malucchio.
Uocchj chin e man vacant...occhi pieni e mani vuote!
Vai pt fa acroc e ngg truv a capavai per farti la croce e non trovi la testa

Lascia un commento